Frittelle, che buone!! (Fritóe che bone)


Frittelle, che buone!! (Fritóe che bone)

Protagonista assoluta del carnevale la Frittella, “ea fritoa”, nasce ed è il dolce per eccellenza della Serenissima, preparato in strada fin dal ‘300 dai fritoleri che solevano impastarle su grandi tavole di legno per poi friggerle in enormi padelle.

Scrive a proposito dei fritoleri Giovanni Marangoni:
«Cuocitori e
venditori a un tempo, impastavano la farina sopra ampi tavolati per poi
friggerle con olio, grasso di maiale o burro, entro grandi padelle
sostenute da tripodi. A cottura ultimata le frittelle venivano esposte
su piatti variamente e riccamente decorati, di stagno o di peltro. Su
altri piatti, a dimostrazione della bontà del prodotto venivano esibiti
gli ingredienti usati: pinoli, uvette, cedrini».

Farina, latte uova e zucchero:
sono sempre questi 4 fondamentali ingredienti che vanno a comporre la “magica” pastella che dà vita a questa delizia di carnevale, proclamato
nel 700 addirittura “dolce ufficiale dello stato veneto”

Specialità di noi Moretti è da sempre la classica “frittellona” alla veneziana
arricchita con pinoli uvetta , scorzoni di arancio e mele renette,
che vi prooponiamo nelle sue varianti vuota, con crema pasticciera e zabaione.

 

 

+ There are no comments

Add yours